Azione urbana critica sulla VELOCITA' di Milano

21 giugno 2007

Lentamente [Slowly] 01 documento video 27' 37”

Lentamente [Slowly] 02 documento video 07' 23”

Cristina Crippa e Cecilia Viganò
location: Milano, Galleria Vittorio Emanuele

Il nostro obiettivo è creare azioni nella città che viviamo, spesso contrarie a quelle che è solita ospitare; “esperimenti” che ci permettano di osservare le reazioni interne ed esterne che si generano nelle persone e nello spazio intorno.
Abbiamo scelto la galleria Vittorio Emanuele di Milano per la qualità del luogo, chiuso ma aperto, che incanala i percorsi di diverse tipologie umane.
Le reazioni e lo scambio verbale avuto con i passanti sono stati registrati attraverso videocamere e microfoni nascosti.
Per mettere in atto queste azioni artistiche non adottiamo alcun tipo di travestimento, ci mostriamo nel nostro essere quotidiano così che che risalti solo quel particolare aspetto della realtà che ci interessa affrontare.
In una prima versione, “Lentamente [01]”, ragionando sulla velocità di Milano abbiamo deciso di rispondere camminando piano.
In “Lentamente [02]”, constatando la difficoltà di avere un contatto con le persone che si incontrano per strada e la diffidenza che ne deriva, abbiamo portato all’esasperazione questa nostra necessità di un incontro profondo, comunicandola attraverso uno sguardo prolungato e sospeso tra due persone, culminante in un abbraccio.

Milano.
Lavorare su di lei, sulle persone, i fenomeni diffusi, i luoghi, i non-luoghi, lo spazio consumato a proprio interesse, la folla, i percorsi, la velocità.
Ci schianta, ci urta.
Fermiamoci, giriamoci e torniamo indietro.
Come regire? Camminare piano.
Nessuna preparazione, non è una messa in scena, non siamo su un palco teatrale.
Non vogliamo rappresentare ma presentare.
Non andiamo da nessuna parte. Tutti si muovono rapidamente ed hanno una meta ben precisa in testa, hanno un punto d’arrivo e gli corrono incontro. Noi dove andiamo? Camminando lente viviamo lo spazio, lo tocchiamo, lo riempiamo, lo leggiamo.
Scegliamo la galleria per la qualità del luogo, chiuso ma aperto, un contenitore fluido, che incanala i percorsi di tipologie umane diverse, un’ampia varietà di età, stili, nazionalità.Un breve percorso nel grande percorso della nostra giornata.
Ascoltiamo le reazioni interne ed esterne, raggiungiamo un ritmo ed un equilibrio che a tratti ci porta fuori dal corpo che inizia a procedere da solo.
Bisogno di prendere contatto con sé. Bisogno di distaccarsene. Cambio del punto di vista.
Osservare la città, cosa il camminare piano provoca in noi e in quelli che ci circondano.
L’incontro che non c’é: è un intrusione nello spazio privato che irrigidisce e mette sulla difensiva. Quando avviene spaventa eppure è così necessario.
Guardarsi per un tempo dilatato, cadere negli occhi dell’altro senza freno, senza fermarsi, avere il coraggio di reggere.

operatori di ripresa: Davide Crippa, Ugo Perazzini
montaggio video: Iacopo Tiscar, Elena Colombo

42_lentamente-02-giugno-2007-1.jpg
 Lentamente 02 frame 1     
42_lentamente-02-giugno-2007-2.jpg
 Lentamente 02 frame 2     
42_lentamente-02-giugno-2007-4.jpg
 Lentamente 02 frame 3     
42_lentamente-02-giugno-2007-3.jpg
 Lentamente 02 frame 4     
42_lentamente-02-giugno-2007-5.jpg
 Lentamente 02 frame 5     
42_lentamente-02-giugno-2007-7.jpg
 Lentamente 02 frame 6     
42_azioni002.jpg
 making of Ugo Perazzini     
42_azioni001.jpg
 making of Davide Crippa